mercoledì 27 febbraio 2008

Il Petroliere - di PT Anderson. Con Daniel Day Lewis, Kevin O'Connor, Paul Dano, Ciaran Hindis. Colore 158 min. Produzione Usa 2007.

Daniel Plainview, un cercatore d'argento di inizio secolo scorso nella desertica California che comincia a trivellare in cerca di petrolio. Diventerà un ricco produttore di oro nero. Un petroliere. Diventerà soprattutto un cinico, un bastardo, tradotto in un linguaggio corrente e spregiativo. Un film assolutamente fuori da ogni standard produttivo commerciale con cui Anderson si prende la sua bella dose di rischi. In fondo è questo il suo cinema se si pensa a "Magnolia" ed in particolar modo a "Boogie Nights". Irriverente, spietato, al limite del paradosso. Qui prende a pretesto il contrasto tra potere economico e fanatismo religioso e ne ricava una umanità schiava di sé stessa, avida, arida e maledetta. Non c'è posto per i sentimenti se non in un rapporto padre-figlio articolato e difficile che alla fine avrà comunque la sua amara conclusione. Cupidigia. Assenza di valori. Plagio. L'assoggettare persone con un concetto spirituale che va di pari passo ancora oggi con l'accumulare ricchezza. L'esercito delle infinite chiese e credi americani che qui trova la sua perfetta rappresentazione. E' questa la nascita di una nazione, quella che ancora oggi si rispecchia in Plainview e Eli Sunday(Paul Dano nella parte del predicatore), ma moltiplicatasi in maniera esponenziale. Profitto, profitto, profitto. Potere, potere, potere. Fotografia magistrale, scene di una bellezza straripante(quella dell'esplosione del pozzo la ricorderemo a lungo) ed interpretazioni da brivido. Quella di DD Lewis. Maestoso. Gli ultimi quindici minuti del film te li senti addosso, dentro. L'attore inglese entra nella leggenda. Un film senza macchia alla soglie del capolavoro assoluto. La rappresentazione di un cuore di tenebra. Beffardo ed insolente che oltre a scavare nel terreno scava dentro di sé trovando man mano sempre più buio. Petrolio nella terra, pece nelle sua anima. Oscurità ovunque.

Daniel Plainview: alcune volte guardo gli uomini e non ci trovo nulla di interessante.

Come darti torto.

12 commenti:

Martin ha detto...

Basta. Mi arrendo. Vado a vederlo. Se anche tu ne parli bene...

Shadowland ha detto...

Vai, Martin, vai. Ti rimborso il biglietto nel caso non dovesse piacerti. :-)

Christian ha detto...

A me non è piaciuto molto (come i film precedenti di Anderson, d'altronde), ma il finale in effetti è bello.

p.s: vorrei linkare il tuo blog sul mio, ma qual è il titolo? "La mia stagione in perdita" o "L'anima di un uomo"? Ciao!

Shadowland ha detto...

Ciao Christian, "La mia stagione in perdita" va bene. Grazie per la visita.

Ricambio e ti linko. :-)

Mario Scafidi ha detto...

shadowland...non è che lo rimborserewsti a me??? ;)
il film non è brutto, affatto. ma non mi ha colpito come a tutti voi altri cineblogger.

Shadowland ha detto...

Per te non vale, Mario. L'hai già visto. :-)

Magari dovresti rivederlo una seconda
volta. Non dovesse colpirti lo stesso, beh, pazienza. :-)

Anonimo ha detto...

Vogliamo parlare dei primi venti minuti di totale silenzio, davvero folgoranti? Io sono rimasta pietrificata...
Ale55andra

Shadowland ha detto...

Si, Ale. Da bocca aperta anche la parte iniziale.

Martin ha detto...

Ti prendo in parola allora.
Dopo il weekend vedrai la mia cinepillola e avrai la risposta.

Shadowland ha detto...

Ottimo, Martin. Aspetto le tue impressioni, allora.

Deneil ha detto...

vado in settimana e torno per un commento più serio..leggendo così sembra davvero strepitoso!

Deneil ha detto...

bello bello bello!come la tua recensione che mette in luce i punti davvero importanti!davvero gran film!